J. M. Bousseau. Scienziato, scrittore, fous litteraires - Gioacchino Lonobile

 

Pazzi letterati, ossia autori che enunciano teorie fantasiose, bizzarre, e scrivono testi eccentrici a carattere saggistico. Le loro elucubrazioni si allontanano da tutte quelle professate e accettate dalla società comune.

André Blavier, critico e letterato belga, è autore di una enciclopedia sui pazzi letterati, in cui vengono citati più di mille libri su strambe teorie che riguardano i più disparati campi scientifici. Anche Raymond Queneau nel 1930 inizia un lavoro su di  loro, fino a scrivere un manoscritto di settecento pagine “impubblicabile, né finito né incompiuto”, che in parte confluirà nel romanzo Les enfantes du limon.

Uno di questi mattoidi è il professor Bousseau.

Al fine di rallentare e accelerare a volontà il movimento giornaliero della terra, egli propone il seguente esperimento: cento milioni di uomini e oltre dieci milioni di animali domestici si metteranno in marcia verso Est; “si vedrà allora quanto l’astro del giorno apparirà in ritardo all’orizzonte, segno che la terra obbedisce alla benché minima forza”. A suo giudizio questa era una prova decisiva che avrebbe dimostrato per via sperimentale, come insegna Galileo con il metodo scientifico, e senza complicati calcoli matematici, la rotazione della terra o il suo contrario.

Il circolo del libero sapere informatico poco conosce su questo personaggio, e ciò non deve sembrare strano. Infatti, un folle letterato per essere tale deve aver sì pubblicato, ma opere di scarso successo, e non deve avere né discepoli né seguaci.

Le mie ricerche mi conducono comunque a due fonti. La prima che ha come titolo Bibliographie de la France 1847. A pagina centosettantasei si trova che effettivamente Bousseau J.M in quell’anno ha pubblicato Point d’appuì d’Archimede trouvè. Niente di più d’un titolo. La seconda fonte, riporta ad una libreria di Imola specializzata in libri, testi e trattati antichi. Dal Catalogo n° 188:

1. A Gaetanina Morelli fiore di giovane bolognese nel giorno che impalmavasi al degno concittadino Cesare avv. Germini. Plauso e auguri. Un sonetto di mos. G. Golfieri. Bologna, Mareggioni, 1876 in 4, 14 pp br. Euro 14,00

2.Assoluzione d’Antonio e Ludovico Macchiavelli di scudi 70 residuo di scudi 160 prezzo di una casa sotto S. Tommaso del mercato. 9 settembre 1527 Manoscritto in 4, 2 pp (chiara calligrafia). Euro 18.

3. (astronomia) Boisseau J.M. Point d’appui d’Archimede trouvè. Experience pour ralentier et accelerer a volunte le mouvement journalier de la terre. Verite du proces de Galilee. Paris, Ducessois, 1847, in 16, 10 pp. Firma autografata dell’autore, br. Euro 18,00. (FIRMA AUTOGRAFATA! 1847! 18 EURO!).

In piena notte riempii la scheda d’ordine, non riuscendo a capacitarmi di tanta fortuna.

Il giorno successivo il mio primo pensiero fu rassicurarmi di non aver sognato. L’ordine era confermato. Non contento recuperai il numero della libreria, per maggior sicurezza telefonai. Una voce femminile mi chiese il numero di catalogo e il nome dell’autore: 188, Bousseau J.M.. Il silenzio che seguì era giusto presagio di una infruttuosa ricerca, forse tra polverosi scaffali, o più probabilmente tra freddi schermi. Il libercolo era stato già venduto. Non riuscii a dir nulla, nemmeno ricambiare l’augurio di buona giornata che mi era stato rivolto a conclusione della chiamata. Egregio signor L., purtroppo opera non disponibile, grazie, cordiali saluti; una mail confermava che anche questo non era stato un sogno.

Bousseau, non avendo le possibilità economiche e gli agganci politici, non mise mai in atto il suo piano di rallentare il moto terrestre. Davvero poco briosa come chiusura, ma d'altronde molte volte è l’autosuggestione che rende il fatto conclusivo un finale.

 

P.S: sarei curioso di conoscere il possessore del libercolo: Point d’appui d’Archimede trouvè. Experience pour ralentier et accelerer a volunte le mouvement journalier de la terre. Verite du proces de Galilee. Paris, Ducessois, 1847, in 16, 10 pp.

 

Gioacchino Lonobile