Laterale Film Festival: oltre le macerie, una nuova campana

Nell'isolamento della sala ogni film è fruibile, ma soltanto a chi decide di approssimarsi con sguardo irresponsabile. Nei giorni 11, 12 e 13 giugno ritorna a Cosenza il Laterale Film Festival, completamente autoprodotto e a ingresso gratuito.

Questa Seconda Edizione rinnova e fortifica il giuramento dell’anno passato: ovvero la costituzione di un festival cinematografico estremo, non competitivo — bonificato dalle giurie —, che raccolga da un bacino nazionale e internazionale lavori filmici sperimentali di breve e media durata, ciascuno low-budget o no-budget, ai margini dell’industria per evitarne l’appiattimento, a lato delle convenzioni visive per trovare nella sperimentazione sul linguaggio nuove vie di fuga.
L’intento è quello di portare in provincia un cinema inedito e irripetibile (alcuni di questi film non sono mai stati proiettati né in Calabria, né in Italia, né altrove e mai lo saranno). In questi termini parliamo di sentimento Laterale.



La selezione di quest’anno prevede 29 film (di cui 11 italiani) realizzati da spiriti intransigenti, provocatori, mordaci, notevolmente distanti dalla superficie delle cose. 29 interpretazioni del presente, 29 modi diversi di fare cinema: commozione oculare, commozione cerebrale, dilatazione di tempo e spazio, annientamento dell’immagine, coercizione a elevarsi, asfissia, dispnea, respiro fondo, poesia, anti-poesia.

Il Laterale Film Festival chiede allo spettatore-avventuriero il disarmo da qualsiasi filtro, l’abbandono di ogni mezzo intellettuale; l’unico patto da stringere è quello della curiosità. Il cinema per tre giorni si apre a tutti, gratuitamente. Non solo cinefili e addetti ai lavori; la necessità è quella di scardinare la visione di lavori sperimentali a chiunque voglia misurarsi con l’ignoto, muniti d’occhi desiderosi. Si inseguono cause credute perse in partenza e forse lo sono: ciò contraddistingue il viaggio Laterale.

La metafora del veicolo, del medium, è quella della Macchina per Esplorare l’Invisibile. È con questi presupposti che un anno fa, nella Prima Edizione del Laterale Film Festival di Cosenza, la popolazione più varia ha raggiunto la sala e ne ha riempito i posti trovando inquietudine, appagamento, disorientato divertimento e preconcetti sfasciati. Coinvolti per la prima volta al centro di una stanza delle meraviglie il risultato è stato quello dell’abbandono al flusso, del tutto simile all’ipnosi. Gli stupidi non esistono. Esistono solo persone che non hanno mai avuto l’occasione di uscire da loro stesse. La soluzione all’atrofia e all’assuefazione è soltanto una: far circolare le alternative.

La selezione del Festival

Laterale Film Festival - II edizione
11-12-13 giugno
Cinema San Nicola 
Cosenza

Mattia Leo (tra gli organizzatori del Laterale Film Festival)