#11 Città di sabbia - Alessandra Dinatolo

Un viaggio iniziato per caso.

Nelle Città di Sabbia le dune e il tramonto sono strade, parchi, edifici, centri e periferie. L'orientamento è regolato da un meccanismo interiore. Tutto è sottomesso alla lentezza e nell'aria liquida restano impressi i gesti dei secoli, i volti segnati dal vento di sabbia. Anche di notte si allungano ombre, come fumi che strisciano dal passato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alessandra Dinatolo, classe 86, nasce a Lamezia Terme (CZ).

La sua formazione artistica inizia alla scuola Ettore Rolli, dove studia fotografia analogica e tecniche di stampa e sviluppo in bianco e nero. Ha partecipato per due edizioni consecutive al festival di fotografia indipendente OcchiRossi con i progetti: "Pezzi" e "Fammi spazio", entrambi rivolti all’esplorazione della figura umana intesa come parte integrante del concetto di tempo, tematiche ricorrenti nella ricerca della fotografa. Vanno inoltre ricordate la partecipazione all’Autumn Contamination conTemporary arts festival di Campobasso e la collaborazione con Bizzarro Eventi.

{fcomment}